Isola di Vulcano

Sicilia, Italia.

Sotto l’azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va; né sosta mai: perché tutte le immagini portano scritto: “più in là”.

Eugenio Montale, Maestrale (da Ossi di seppia)

Vulcano è un’isola inquietante: quando ci sei non vedi l’ora d’andartene; ma appena la nave si stacca dal porto, vieni subito assalito da una struggente nostalgia.

Due emozioni contrastanti, come contrastanti sono i colori predominanti del luogo: il nero della lava e il giallo dello zolfo.

Quando si arriva sull’isola, il primo odore che riempie le narici è quello di uovo marcio (dovuto allo zolfo), quasi a voler respingere i visitatori, a farli desistere dal restare in una terra che non appartiene loro. Vulcano o la si ama o la si odia. Non ci sono vie di mezzo. Io l’ho amata.